Perché bere dalle bottiglie di plastica fa male? Ecco cosa non devi mai fare

21 settembre 2017 22:35 di danila

Ti è mai capitato di comprare acqua confezionata? E quando è successo, la tua preferenza è caduta sulle bottiglie di vetro o su quelle di plastica? La maggior parte delle persone risponderà automaticamente “bottiglie di plastica” e questo per motivi essenzialmente pratici: più economiche, più flessibili per il trasporto, meno ingombranti quando vengono svuotate, più esposte nei supermercati e quindi alla nostra vista.

Quante volte, però, ti sarà capitato di sentir dire che bere dalle bottiglie di plastica fa male. E la solita bufala o è un rischio reale per la nostra salute? Facciamo chiarezza.

Le bottiglie di plastica vengono fabbricate con un composto chiamato PET, ossia polietilene tereftalato, che è un elemento chimico capace di trasportare dalla bottiglia all’acqua altri elementi molto pericolosi per la nostra salute: ftalati (danno flessibilità alla plastica), antimonio (catalizzatore indispensabile durante la produzione della plastica), formaldeide e acetaldeide (che conferiscono all’acqua quel sapore di plastica). Avrai anche sentito dire che basta non esporre le bottiglie alla luce del sole per evitare che l’acqua venga in qualche modo contaminata: ciò potrebbe risolvere soltanto il problema del gusto dell’acqua, ma non della sua sostanza. I ftalati, infatti, possono causare problemi al sistema endocrino, mentre l’antimonio è un elemento altamente cancerogeno, che può causare anche problemi di respirazione.

Ovviamente le autorità sanitarie hanno imposto un limite per questi elementi  e quindi la loro riduzione. L’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha spiegato che questi limiti vengono rispettati. Bere dalle bottiglie di plastica, quindi, non dovrebbe essere un rischio per la nostra salute.

Quante volte si possono riempire le bottiglie di plastica?

Stabilito che dunque quella che beviamo dalle bottiglie di plastica non è un’acqua totalmente pura, esistono delle alternative più salutari ed ecologiche: le bottiglie di vetro, certo, possono costare di più, ma possono essere riutilizzate a differenza di quelle di plastica, che una volta svuotate andrebbero buttate via perché batteri e funghi aderiscono alle pareti e quindi trasmessi al nostro organismo. Inoltre con il tempo quelle stesse sostanze nocive si possono trasmettere all’acqua sempre più velocemente, quindi più le utilizziamo maggiore può essere il rischio per la nostra salute: in altre parole, le bottiglie di plastica , una volta consumata l’acqua, vanno buttate e non riciclate ogni volta.

Esistono sorgenti naturali, dalle quali attingere per riempire bottiglie di vetro, che possono essere svuotate liberamente senza che possano mai essere una minaccia per la nostra salute. Pensateci.